Tecnologia Panorama: il banco gelateria a pozzetti che diventa una vetrina gelato.
 

Compasso d'oro

IFI VINCE IL XXIII COMPASSO D’ORO GRAZIE A BELLEVUE CON TECNOLOGIA PANORAMA

Desig Marc Sadler + IFI R&D DEPT.

Nel cinema si chiama OSCAR, nella scienza NOBEL, nel design COMPASSO D’ORO.

Istituito nel 1954 da un'idea di Gio Ponti, il Compasso d’Oro è il più antico e autorevole premio di design al mondo e viene assegnato ogni 3 anni dall’ADI (Associazione per il Disegno Industriale). Oltre all’enorme prestigio del riconoscimento, vincere il Compasso d’Oro significa entrare a far parte della Collezione Storica del Premio Compasso d'Oro ADI, dichiarata “Bene di interesse Nazionale”.
Nel 2014, IFI è la prima azienda a vincere il Premio con una vetrina gelato e, nel percorso di innovazione e ricerca che la caratterizza come marchio di riferimento nel proprio settore, ha già ottenuto una Segnalazione Compasso d’Oro con la vetrina gelato Tonda nel 2008, oltre a diverse selezioni negli annuari ADI Design Index.

IL COMPASSO D’ORO
GUARDA IL VIDEO
IFI E IL DESIGN

Così il Presidente di IFI Gianfranco Tonti: “Ricevere il massimo riconoscimento nel campo del design è una grande soddisfazione, e una testimonianza per le aziende che, con passione e sacrificio, intendono continuare a operare e a dare lavoro in Italia, un’occasione per rilanciare il messaggio che guardare al domani significa veicolare nuovi linguaggi, nuove idee, nuovi percorsi. IFI si dedica da sempre alla cultura dell’innovazione, mettendo oggi in campo un Dipartimento di Ricerca e Sviluppo con oltre trenta professionisti interni che lavorano fianco a fianco con industrial designer affermati ed emergenti, e che collaborano con gli istituti formativi di design, aprendo le porte ai loro studenti.
Per la nostra filosofia e per la nostra vision, il Compasso d’Oro è il traguardo più ambito, una medaglia che tutti, alla IFI, possono appuntarsi con merito e orgoglio. Allo stesso tempo va inteso come una responsabilità e un nuovo punto di partenza, perché, come è giusto che sia, ci impone di essere onorato nel tempo a venire, nel segno dell’innovazione”.